Seitai-dō

seitaiGli stage di Seitai-dō hanno come obiettivo permettere di scoprire o approfondire la ricchezza dell’insegnamento del Maestro Haruchika Noguchi così come ce l’ha trasmesso Itsuo Tsuda.
Non si tratta di diffondere un insegnamento teorico, o ideologico, del Seitai, ma di affrontarlo nel suo modo di considerare la vita quotidiana.
È per questo che le conferenze e le dimostrazioni riguarderanno numerosi aspetti, come i diversi modi di affrontare Yuki (far passare il ki), tanto come esercizio separato, che nel Movimento rigeneratore mutuale, e ovviamente nella vita di tutti i giorni. L’arte del bagno caldo, i Taiheki, la gravidanza, l’arte di nascere bene e la cura del bebé nei primi anni, l’educazione, la sua ricchezza e le sue difficoltà, il rapporto con la malattia, ecc. Tutti questi argomenti saranno affrontati nell’ottica di normalizzare il terreno dell’individuo, o di conservare un terreno normale nel caso dei bambini. Ritrovare la sensibilità perduta o attenuata, riattivare le capacità vitali.
Ma anche comprendere meglio come mettere il volontario al servizio dell’involontario, accettare che il lavoro di normalizzazione si faccia poco a poco, e non vedere la pratica del Movimento rigeneratore come una boa di salvataggio in caso di difficoltà.

Se la pratica del Movimento rigeneratore (Katsugen undō) resta la base del mio insegnamento durante gli stage, ho sempre privilegiato una visione più globale, che secondo me corrisponde meglio ai bisogni degli individui. La pratica del movimento involontario tramite l’attivazione del sistema motore estrapiramidale diventa la base e si può allora considerare il Seitai come una via (Dō ).

Régis Soavi